I’BARroccio – Day! Dopo l’apertura ecco il taglio del nastro…

I’BARroccio – Day! Dopo l’apertura ecco il taglio del nastro…

409
0
CONDIVIDI

Il fatidico giorno del taglio del nastro è arrivato. Neanche un’ora fa, alla presenza del sindaco di Bagno a Ripoli Francesco Casini la nuova stagione estiva al giardino de I Ponti può finalmente iniziare grazie alla “benedizione laica” della massima istituzione del comune, e dopo il brindisi collettivo, apericena e dj set ad accompagnare questa serata di festa! Il chiosco ai Ponti, gestito dall’Ass. Giostra della Stella-Palio delle Contrade prende il posto del Bar H e si candida ad essere il centro nevralgico della movida estiva ripolese.

Non solo cocomero, ma musica dal vivo e dj set, spettacoli, aperitivi, cinema, presentazioni libri, colazioni, merende, in uno spazio hipster realizzato completamente con materiale riciclato dove stendersi sui comodi cuscini a godere il fresco dei Giardini i Ponti nelle serate estive gustando gelati, granite, centrifugati, birra e cocktail anche in versione analcolica. L’idea è semplice: pancali al posto dei divanetti, converse ai piedi e stile libero.

Questi gli eventi in arrivo nell’immediato futuro: mercoledi 14 giugno presentazione del libro sul film “Il Ciclone” con lo special guest Sergio Forconi; mercoledi 21 con l’evento organizzato da Avis Bagno a Ripoli; giovedì 22 esibizione della scuola Lisard; per continuare sabato e domenica 24 e 25 con il mercato Mato Grosso; martedì 27 concerto organizzato in collaborazione con il Comune di Bagno a Ripoli; il 30 giugno evento Emergency.

In ogni caso, per essere sempre informati sull’universo de I’BARroccio restate collegati con il nostro portale d’informazione

CONDIVIDI
Articolo precedenteMr. Semplici, tavarnuzzino, premiato in Sala Consiliare di Impruneta
Articolo successivo“Quei primi calci ad un pallone…in memoria di Checco”
Nato a Bagno a Ripoli il 20 Ottobre 1994, amante del calcio in tutte le sue sfumature, ho passato buona parte della mia vita sui campi della Toscana a smistare palloni, e a prendere qualche salutare pedata. Una carriera scolastica eterogenea, iniziata come geometra ed evoluta come studente di scienze politiche della facoltà di Firenze. Nella vita poche cose sono certe ma su una vado sul sicuro, ho passato più ore a giocare a calcio che sui libri. Col tempo ho coltivato la passione per il giornalismo, lavorando nella redazione sportiva dell'emittente televisiva di Italia 7.