Antella in Festa 2018, una domenica di “finalissime”: alle Stradine il torneo...

Antella in Festa 2018, una domenica di “finalissime”: alle Stradine il torneo rionale di calcetto!

Una finalissima spettacolare

467
0
CONDIVIDI

“Io non me ne intendo di calcio – premette nel discorso di rito la Presidente del Comitato Vivere all’Antella Meri Mugelliniperò vedere grandi e piccoli condividere un momento di divertimento e sport del genere è qualcosa che emoziona.”
Poi chiama a sé Luca, 56 anni, portierone delle Stradine e…“Luca è da tempo che non indossava i guanti eppure ha giocato col cuore, risultando decisivo. Al di là del merito sportivo sono la passione e la dedizione di Luca a dover essere d’esempio alle giovani generazioni”. Parole sante.
Alla stessa maniera, l’assessore allo sport di Bagno a Ripoli Enrico Minelli ed il rappresentante dell’USD Antella 99 Simone Dessì hanno sottolineato una volta di più il valore aggregante del calcio e dello sport in generale: quale maniera migliore per unire trasversalmente età diverse e vite distanti…?

La speranza – premessa doverosa – è che Antella in Festa e con essa il torneo rionale di calcetto sopravvivano al tempo per elevarsi a tradizione paesana, magari da sviluppare e, di anno in anno, migliorare. La base di partenza, visto il successo di questa terza edizione, è ottima. Ieri, la domenica delle Finals, lo ha dimostrato: tanti giocatori in campo, una buonissima affluenza di pubblico, rappresentanze istituzionali e, elemento più importante, divertimento in quantità.
Una nota di merito va a Giuliano Vettori, organizzatore e capofila dell’evento calcistico: il buon Giuliano ha vinto due volte, la prima per aver dato vita ad una manifestazione che ha coinvolto centinaia di compaesani, la seconda perché di fatto è un contradaiolo delle Stradine, i campioni del 2018!

Giuliano festeggia col suo portiere Luca la vittoria delle Stradine…da notare la maglietta in tinta con il “colore sociale” del rione

Appunto, ad aggiudicarsi il torneo rionale sono state le Stradine: decisivo, dopo lo 0-0 degli adulti, il 2-0 maturato dai ragazzi del “borgo” che vive a destra dell’Isone. Dall’intensità senza reti dei grandi alla spensieratezza dei piccoli, l’ora di gioco della finalissima ha tenuto incollato allo “schermo” ogni persona presente al campo sportivo. A sbloccare il match ci ha pensato il fortissimo Alessio Sollazzo con una cannonata destra sotto la traversa che non ha lasciato scampo al portiere del Balatro. Poi, a pochi secondi dal termine ecco l’eurogol che non ti aspetti: mezza rovesciata del biondo Achille Trambusti ed esultanza furiosa a giro per il campo…bellissimo. Achille come Grosso al mondiale 2006, tutti a rincorrerlo e nessuno che riusciva a prenderlo…
I complimenti di Dai Colli Fiorentini vanno di diritto ai secondi classificati, il Balatro: la formazione “adulti” probabilmente migliore (la presenza dei fratelli Manetti, un lusso per pochi) del torneo non è riuscita a capitalizzare le tantissime occasioni create, grazie anche alla super giornata del predetto portierone delle Stradine Luca!

La finalina per il terzo e quarto posto ha visto il CentroAntella aver la meglio, ai rigori, sulle Casenuove.
Dunque, tornando ai vincitori del torneo, gli “Orange” hanno sollevato in aria dapprima il loro bomber Achille, poi la meritata coppa (consegnata ai tre fratelli Quercini). La terza edizione del torneo rionale di Antella va a loro, i contradaioli delle Stradine!

In ultimo, un appunto perfetto per metter la famosa ciliegina sulla torta: in questi giorni di torneo sono stati raccolti, in maniera del tutto volontaria e malgrado l’ingresso al campo sportivo fosse gratuito, 170 euro a favore di “Un petalo per Margherita Onlus”.

 

(Cliccate sulle immagini per vederle nelle dimensioni originali)

 

CONDIVIDI
Articolo precedenteImpruneta conferma Calamandrei: vince nettamente la coalizione Pd-CdC
Articolo successivoUltima sagra imprunetina: la “Festa della Birra” del rione del Sant’Antonio!
Nato nel 1990, mi sono appassionato alle vicende locali per necessità di lavoro, scoprendo che basta guardarsi intorno per raccogliere spunti di riflessioni e motivi di scrittura. Scrivere, è la mia esigenza. Conoscere la Storia, la mia passione. Vivo ad Antella, "campanilista" quanto basta, vago per il territorio alla ricerca di aneddoti da raccontare. Collaboro con TuscnayPeople e Tele Iride.