Playoff basket: Gara-1 alla “bestia nera” Virtus Certaldo, l’Impruneta lotta ma non...

Playoff basket: Gara-1 alla “bestia nera” Virtus Certaldo, l’Impruneta lotta ma non ribalta il fattore campo!

Decisiva adesso Gara 2 ad Impruneta, giovedì 10 alle 21

817
0
CONDIVIDI

PROMOZIONE
SEMIFINALE PLAYOFF – GARA 1
VIRTUS CERTALDO vs BASKET IMPRUNETA 71 – 52

La Vir(t)us Certaldo, come una particella infettiva, rischia di essersi definitivamente introdotta nell’organismo imprunetino, incapace di opporre validi anticorpi alla tossina bianco-nera: su quattro gare stagionali contro i certaldini, i bianco-verdi hanno raccolto solo sconfitte. In ambito sportivo, si direbbe la più classica delle “bestie nere”.
Accoppiamenti sfavorevoli, talento avversario, giornate storte di alcune pedine fondamentali dello scacchiere tecnico-tattico di Coach Cecio. Non fraintendete, la Virtus Certaldo è una signor squadra: Barbieri “centro” coi fiocchi(ssimi), Scardigli e Cantini guardie “hot-hand” con percentuali dall’arco sensazionali.
Ma l’Impruneta, si l’Impruneta, può. Superare se stessa, far l’impresa, battere il Certaldo in casa, giovedì 10 alle 21.
Magari limando gli errori e le scelte sbagliate che ieri son costate un prezzo caro alla banda imprunetana, divenendo il rammarico di Gara 1.

Dopo un incipit decoroso con due penetrazioni del buon Ranauro finalizzate in altrettanti lay-up, il primo strappo al match giunge anzitempo: da 3-4 a 14-4, il parziale arriva fulmineo ed improvviso per il Certaldo, merito di bombe dall’arco lasciate troppo facilmente agli attaccanti di casa. Come alzano la mano i locali, la retina si muove. Cocco, al contrario, esce prestissimo per falli, elemento condizionante per il Cap bianco-verde. A parziale risponde parziale, stavolta ospite: a guidarlo sono Ranauro e Paolini, i più continui tra le fila di Impruneta. 0-8 e partita riaperta sul 12-14. Nuova bomba di Cantini: 18-14, sirena del primo quarto.

L’Impruneta c’è ma, proprio quando sembrava aver sciolto le tensioni della gara, si scontra contro lo scoglio del secondo quarto: 10 minuti di apnea, sofferti e mal giocati con il primo canestro dal campo giunto a 50 secondi dalla fine del primo tempo. Il Certaldo, analogamente, non brilla ma vien spinto fuori dal guado dall’inarrestabile Barbieri: 7 punti in fila con movimenti in post tecnicamente banali ma fisicamente prepotenti, incontenibili per l’Impruneta. Biondi ha i centimetri ma non i chili per stare col n. 7 del Certaldo, Sacconi avrebbe i chili ma perde in altezza…risultato: ventello tondo per il centro locale. Parziale del quarto: 15-7 con l’ultimo minuto di gioco che dona speranza ai bianco-verdi, merito di due and1 siglati Casalini e Brick. Si va a riposo sul 33-21.

La tifosa a destra….MVP indiscussa degli spalti

Il terzo quarto è la luce, purtroppo intermittente, di Impruneta.
Coach Cecio dà ampio spazio a Quartini, ripagato da una convinzione offensiva ottima, abbassa il quintetto ed affida il gioco a Ranauro. Buona la difesa, si corre in contropiede: Quartini segna il -5 sul 35-30, poi avrebbe la bomba del -2…ferro. Peccato. Di là, palla a Cantini, blocco, il difensore passa inspiegabilmente dietro lasciando il tiro al n.20…solo rete. Infallibile. Brenna per l’Impruneta lo emula ma Barbieri, ancora lui, dice no ad un novo tentativo di rimonta. Sulla sirena del terzo quarto è 47-38 malgrado il parziale favorevole agli ospiti.
L’ultimo periodo, infine, dura giusto il tempo del colpo di grazia: Brenna si inventa un tripla alla Belinelli e fa -6, 50-44, subito Barbieri ne piazza due con fallo, 52-44. Chiude i conti l’ennesima tripla di Cantini (18 per lui).
Il resto è garbage time (da sottolineare comunque le due triple di Gavagnin) con l’attenzione che si focalizza piuttosto sugli spalti dove i tifosi locali mal accettano il folclore della nutrita GAP50023. E vabbè…

Adesso, testa e corpo a Gara 2, giovedì 10 alle ore 21 alla Bombonera. L’Impruneta può portare la serie a Gara 3 ed il paesello è chiamato, sportivamente parlando, alle armi. Coach Cecio dovrà recuperare mentalmente la squadra, trovare l’antidoto per fermare il cobra Barbieri e togliere le soluzioni da fuori a Cantini e Scardigli. Un giocatore, più di altri, vorrà rifarsi…noi puntiamo l’ipotetico nichelino sulla sua voglia di riscatto!