L’artista Valerio Giovannini in mostra ad Art Art Impruneta: “I miei primi...

L’artista Valerio Giovannini in mostra ad Art Art Impruneta: “I miei primi 20 anni di pittura”

La mostra antologica dell'artista imprunetino trapiantato a Lisbona verrà inaugurata il 15 Settembre alla Galleria IAC di Impruneta

398
0
CONDIVIDI

 

Dal 15 al 30 settembre alla Galleria IAC, via della Croce 41, Impruneta (Fi),  Art Art Impruneta ospiterà la Mostra antologica di Valerio Giovannini: “I miei primi 20 anni di pittura” – “Pittura strega. Dall’Impruneta a Lisbona”. Questa iniziativa è organizzata dal Colectivo criativo Os engenheiros do acaso di Lisbona in collaborazione con l’Associazione ART ART di Impruneta e con il patrocinio del Comune di Impruneta e del Comune di Firenze / Società delle Belle Arti Circolo degli Artisti Casa di Dante.

Oltre alle opere pittoriche, verrà presentato nella sala della mostra anche il video “Janela” che Valerio Giovannini ha realizzato a Lisbona, intrecciando in maniera fascinosa, immagini e messaggi da tempi e spazi diversi. La storia con-turbante del personaggio Janela si rifà alle categorie del “confine”, del superamento delle divisioni, all’incontro fra diversi, superando le soglie del tempo e dello spazio.

“Fin da piccolo ho sempre amato disegnare e dipingere – dice Valerio – Questa passione mi ha accompagnato negli anni dell’adolescenza, quando disegnavo fumetti per i miei compagni di classe per strappare una risata … Nel 1998 una ragazza mi regalò dei colori a olio e fu una folgorazione! Mi accorsi che dipingere mi “allargava la vita”, aiutandomi a vedere meglio dentro e fuori di me e a trovare una strada percorribile tra le molte impercorribili”. 

“Due anni dopo organizzai la mia prima mostra sotto i Loggiati del Pellegrino, in Piazza Buondelmonti. Uno dei quadri si intitolava “Skyscrapers. Dalla Big Apple (Manhattan) centro dell’Imp/ero fino all’Imp/runeta che rovinano sotto un cielo con due nuvole”. Durante il periodo dell’esposizione ci fu l’11 settembre 2001. Questa coincidenza mi sconvolse tanto da spingermi a considerare inconsciamente la pittura come “una giovane e ribelle strega”. Da allora ho sempre visto il mio dipingere e disegnare come una specie rituale magico: la creazione di uno spazio di armonia, equilibrio, giustizia e libertà in un mondo che di questi orizzonti di senso è sempre più privo”. 

Verrà presentato alla Mostra anche il docu-fiction “A Republica das Bruxas” (La Repubblica delle Streghe), realizzato quest’anno tra Impruneta e Lisbona. Una creazione avvenuta con l’aiuto di tante “streghe”, un film che “ha dentro di sé molta pittura – dichiara Valerio – e che forse, e lo sto capendo adesso, non è altro che una maniera di dipingere attraverso un’altra arte, la settima, il cinema”. 

Scheda biografica di Valerio Giovannini 

E’ nato a Firenze nel 1977 ed è laureato in Scienze della Comunicazione all’Università di Siena, diplomato in Estetica e Ermeneutica delle Forme Simboliche all’Università di Firenze e laureato in Comparative Aesthetics and the Arts all’Università di Cork (Irlanda). Dal 2001 ha esposto i suoi lavori in Italia e all’estero in numeroso personali e collettive. Dal 2009 ha collaborato con il Museo Archeologico del Chianti Senese di Castellina, con il Museo dell’Accademia Etrusca e della Città di Cortona, con il Museo Archeologico di Firenze e con il Museo Comunale di Lucignano in progetti di arte contemporanea ispirati alla civilizzazione Etrusca e al patrimonio culturale italiano. Ha anche collaborato con varie Associazioni e Istituzioni culturali europee. Con Milena Kalte, antropologa tedesca, ha aperto un atelier a Lisbona la “Base dos Engenheiros do Acaso” e, oltre alla ricerca pittorica, sta sviluppando progetti di perfomance di disegno digitale dal vivo anche per spettacolo.

CONDIVIDI
Articolo precedenteImpruneta Go, le alte cariche imprunetine alla prima della kermesse
Articolo successivo39° Palio delle Contrade/Giostra della Stella di Bagno a Ripoli: il programma aspettando il 9 Settembre
L’Associazione Culturale Art-Art, nata nel 2002 dalla trasformazione dello storico gruppo dei Pittori e Scultori Imprunetini, aperta ad ogni forma d’arte e di comunicazione espressiva, è arrivata oggi a comprendere al suo interno 120 artisti, fra cui Artisti Soci Onorari di chiara fama internazionale. Con la finalità di diffondere la ricerca artistica e culturale a partire dal territorio di Impruneta, Art-Art promuove molteplici mostre, eventi, corsi, concorsi, simposi, performances di scultura in terracotta, conferenze e pubblicazioni a livello nazionale ed internazionale; è attiva con progetti insieme al volontariato sociale e la beneficenza, organizzando aste a favore di associazioni impegnate nel sociale. E’ dotata di una sua rivista quadrimestrale, La Rivista Art-Art, strumento indispensabile per veicolare le idee, le iniziative dell’Associazione e la cultura in generale. Nel mese di settembre 2008 si è inaugurato il nuovo spazio espositivo dell’Associazione, Galleria IAC - Impruneta Arte Contemporanea -, in via della Croce 41. Nello spazio suddetto vengono organizzate mostre personali e collettive che vedono la partecipazione di artisti invitati, provenienti da varie parti del mondo, in uno scambio che riteniamo fertile e stimolante. Degna di nota è anche la collaborazione con molte Associazioni toscane, Musei e gallerie nazionali, proficuo intreccio di competenze diverse per organizzazioni di eventi. Molte le collaborazioni con le Province e i Comuni toscani, con l’Amministrazione Comunale di Impruneta e la Regione Toscana. Art-Art è Socia Fondatrice dell’Associazione Antonio Berti di Sesto Fiorentino, Firenze e Socia di Aparte, Associazione Pecci Arte, Prato.