Juniores Provinciali: è ancora Belmonte show, doppietta Iacopozzi ed il Lebowski è...

Juniores Provinciali: è ancora Belmonte show, doppietta Iacopozzi ed il Lebowski è battuto

Le maschere funzionali del Belmonte: soffre, colpisce, infine controlla.

1114
0
CONDIVIDI

JUNIORES PROVINCIALI – GIRONE A
21° GIORNATA
CS LEBOWSKI vs ASD BELMONTE AG 0-2
CS LEBOWSKI: Paladini, Martini, Mazzoli, Bencini, Senghore, Galletti, Zer Rhoudi, Verrengia, Ghiandelli, Nardi, Messina. A disp.: Balderi, Bruni, Nardi, Vanni, Castillo Vega, Orlandi, Granchi. All.: Serrau.
ASD BELMONTE AG: Pestelli, Vannini, Iandelli, Giusti, Cecconi, Francioni, Zahini, Picchi, Iacopozzi, Shehu, Benini. A disp.: Contri, Torrini, Tarlini, Picchiarini, Ricci, Astorino, Adamo. All.: Campisi.
Marcatori: Iacopozzi (2)

All’Ascanio Nesi di Tavarnuzze va in scena, alle ore 18:00, il big match di giornata: i grigio-neri del Lebowski contro i bianco-rossi del Belmonte, quinta e sesta della classe, distanziati da sole tre lunghezze.
Qual è il responso?
Altro che ammazza-grandi, epiteto affibbiato ai ripolesi una settimana fa per aver battuto Galluzzo e Valdarno nel giro di poche settimane: no, il Belmonte, adesso lo dicono risultati e graduatoria, è da considerarsi una grande. Con il solito rammarico di aver lasciato per strada qualche punto di troppo, costretta pertanto ad inseguire le compagini sul podio (Galluzzo, Sales, Valdarno).

Il match si gioca ad alta intensità ed il primo tempo arride, per pericolosità ma non per punteggio, ai locali.
La palla-gol più nitida per il Lebowski arriva proprio nei minuti iniziali con un affondo di Messina che, dall’out destro rientra sul piede preferito, il mancino, e batte a rete….palo, a Pestelli battuto.
Buon ritmo e buone giocate, di tecnica e palleggio: ancora il n.11 grigio-nero, al 25°, chiama al guizzo felino Pestelli che devia in corner la girata di prima intenzione. Un mezzo miracolo.
Il Belmonte, seppur lentamente, inizia a carburare ed è il man of the match di settimana scorsa, Shehu-Roma a sporcare i guanti di Paladini con un sinistro insidioso; il n.1 respinge, giunge Zahini ma la conclusione ravvicinata è centrale ed il portiere di casa, stavolta, la blocca. All’insegna di un equilibrio ancora da spezzare si va negli spogliatoi.

Giusti, la “piovra” del centrocampo Belmonte, formidabile a catturare palloni…e note degli avversari

Il secondo tempo, al contrario, è un semi-monologo del Belmonte, in particolar modo dopo il gol del temporaneo 1-0, oltre a rivelarsi come una prova di forza anzitutto mentale dei ragazzi di Mr. Campisi.
I bianco-rossi infatti, nell’arco del match, hanno saputo indossare diverse maschere adattandosi perfettamente al momento della gara: dunque hanno saputo soffrire nel miglior momento Lebowski, hanno colpito (ed affondato) gli avversari sfruttandone i pochissimi errori, hanno saputo controllare il match con il possesso palla una volta in vantaggio.
E’ il minuto 25 della ripresa e l’arbitro assegna un fallo a centrocampo per i grigio-neri: Galletti ferma il pallone e batte veloce ma, ahilui, la fretta è brutta consigliera e la sfera finisce sui piedi di Benini. Il Lebowski è sbilanciatissimo, si gioca un 3 vs 3, Benini però salta secco il primo uomo, proprio Galletti, è un 3 vs 2. Contropiede – se così si può chiamare – perfetto, ancora il n.11 ospite conduce il pallone, poi serve col contagiri Iacopozzi, stop e tiro secco, mancino…solo rete! E’ l’1-0. Nato da una distrazione subito punita.

Nel morale e nel gioco del Lebowski si fa largo il dubbio di aver gettato alle ortiche l’importante scontro diretto.
Così è. Pochi minuti dopo un lancio lungo scavalca la difesa locale, il fulmine Shehu arriva per primo ma, dentro l’area, viene atterrato da Senghore, fino a quel momento impeccabile.

Il rigore c’è, sul dischetto si presenta Iacopozzi e…2-0, doppietta personale e match chiuso. Il Lebowski non ha le forze per addrizzare la gara e Pestelli vive minuti tranquilli sino al triplice fischio finale. Il Belmonte può dunque esultare: altra nobile “vittima” caduta sotto i colpi bianco-rossi ed una consapevolezza adesso definitiva di poter battere chiunque.

Raggiunte Lebowski e Fiesole a quota 42, si guarda ora avanti: il Valdarno è a 48, la Sales a 49, il Galluzzo a 50 e la prossima, al Pazzagli, c’è Belmonte vs Sales. Tutto può ancora succedere.

 

 

CONDIVIDI
Articolo precedenteJuniores Elite: la Settignanese ha cuore, rimonta e ferma l’Antella…al 90°
Articolo successivoImpruneta, cade l’accusa di “peculato”. Assolti i dirigenti comunali Corsinovi e Trefoloni
Nato nel 1990, mi sono appassionato alle vicende locali per necessità di lavoro, scoprendo che basta guardarsi intorno per raccogliere spunti di riflessioni e motivi di scrittura. Scrivere, è la mia esigenza. Conoscere la Storia, la mia passione. Vivo ad Antella, "campanilista" quanto basta, vago per il territorio alla ricerca di aneddoti da raccontare. Collaboro con TuscnayPeople e Tele Iride.