Gruppo Fratres di Impruneta, “Torneo di solidarietà rionale”: ultimi giorni per donare...

Gruppo Fratres di Impruneta, “Torneo di solidarietà rionale”: ultimi giorni per donare sangue a favore dei rioni

nel contesto delle iniziative settembrine che anticipano l'attesa Festa dell'Uva, l'ultimo weekend valido perle donazioni "rionali"

224
0
CONDIVIDI

Si concluderà con le giornate di sabato 15 e domenica 16 settembre il torneo di solidarietà rionale, l’iniziativa promossa dal Gruppo Fratres di Impruneta. Fin da giugno, e per tutto il periodo estivo, è stato possibile per i donatori imprunetini e non donare il proprio sangue a favore di uno dei rioni: Fornaci, Pallò, Sante Marie e Sant’Antonio.

L’iniziativa, che vide la luce nel lontano 2005, fu pensata per avvicinare i giovani al delicato tema della donazione di sangue, e ogni anno raccoglie il maggior numero di donazioni, sintomo dello spirito rionale e solidale dei donatori. Il punteggio sarà così calcolato: un punto per la donazione di sangue intero, due punti per ogni nuovo donatore e la donazione di plasma (ricordiamo che quest’ultima non è più effettuabile presso la sede del Gruppo Fratres di Impruneta, ma è possibile donare all’Osma, Ospedale di Santa Maria Annunziata, ndr).

Vi consigliamo di prenotare la vostra donazione sul sito www.fratresimpruneta.it per evitare lunghi tempi di attesa, scegliendo il giorno e l’orario da voi preferito. Le donazioni avranno luogo negli ambulatori della Misericordia, in via della Fonte n.3.

 

 

 

 

 

 

CONDIVIDI
Articolo precedenteImpruneta: quattro rioni per quattro cene di solidarietà
Articolo successivoBiennale pittura e scultura di Bagno a Ripoli, ecco i nomi dei vincitori
La Festa dell’Uva all’Impruneta nasce nel 1926 per pubblicizzare i prodotti delle aziende agricole del paese, nasce con modesti mezzi, cioè carri agricoli trainati da buoi di tutte le fattorie dei dintorni. Nel 1932 nascono in paese i Rioni: Pallo’, S.Marie, Fornaci e S.Antonio, subito inizia una spiccata rivalità contradaiola che ancor oggi si nota subito nel costruire carri più belli e più grandi degli altri rioni rivali. Durante la seconda guerra mondiale la festa fu sospesa e riprese con maggior vigore nel 1950; Nel 2003 il comitato Rionale si è sciolto ed è nato l’ENTE FESTA DELL’UVA, di cui oltre ai rioni fa parte anche l’Amministrazione Comunale. Insomma la Festa dell’uva è fatta dagli imprunetini, ma anche da molte persone che vengono anche da fuori per collaborare alla costruzione, si discute, a volte si litiga, ma alla fine tutti insieme prepariamo quella creatura che per ogni rionale è il carro che poi sfilerà in piazza Buondelmonti.