Eccellenza: il Signa ci mette l’orgoglio, ma il Grassina la porta a...

Eccellenza: il Signa ci mette l’orgoglio, ma il Grassina la porta a casa

550
0
CONDIVIDI

ECCELLENZA
24° GIORNATA
GRASSINA CALCIO vs SIGNA 1914 3-1
GRASSINA: Burzagli, Stella, Benvenuti, Degl Innocenti, Fani, Villagatti, Torrini (75′ Nuti), Metafonti (88′ Cattani), Baccini (26′ Kthella), Bellini (46′ Meacci), Bruni (65′ Caschetto). A disp.: Merlini, Fabbrini,Martellini, Vannoni. All.: Innocenti Matteo

SIGNA: Cappelli, Bizzeti, Gabrielli, Ficarra, Strupeni, Ammannati, Bartolozzi (52′ Gambini), Capochiani (87′ Ceccatelli), Rosi (52′ Sordi), Coppola, Marrani. A disp.: Vettraino, Shabanaj, Leoni, Tomberli, Alicontri, Pierattini. All.: Cristiani Enrico

ARBITRO: Amerigo Calonaci di Empoli – Klevis Plumbi e Denald Rudaj di Pistoia.
RETI: 3° Degl Innocenti, 12° Marrani, 16° Bellini, 50° Bruni 

Il pronostico era si, a favore dei rossoverdi, ma aldilà della posizione di centro classifica occupata dai gialloblu, non si può ignorare la qualità e l’esperienza di cui i signesi sono dotati; prova ne è stata la prestazione di Poggibonsi (in cui c’è voluta un’espulsione veniale e un rigorino.. molto ino, per far perdere gli ospiti).
Da segnalare la buona presenza di pubblico sugli spalti a sostegno delle due squadre.
Poteva essere una sfida difficile da sbloccare, vista la fisicità dei signesi, invece a sfida appena iniziata Degl’Innocenti estrae un dinosauro dal cilindro, scoccando da una trentina di metri un tiro di rara bellezza che bacia il palo interno per poi finire nella rete di un Cappelli incolpevole.

La gioia dei rossoverdi dura poco perché dopo aver avuto diverse occasioni per raddoppiare (l’inizio di questa sfida è stato denso di emozioni), subiscono il gol del pareggio da Marrani: corre il 14’.
Ancor meno però dura la gioia gialloblu, perché 180 secondi più tardi il Grassina si porta nuovamente in vantaggio con Bellini.
Il momentaneo 1 a1 signese invita i rossoverdi a premere in maniera forsennata e oltre a quella capitalizzata, sono plurime le occasioni da rete. Probabilmente il forcing del Grassina è eccessivo perché l’ultimo quarto d’ora è appannaggio di un Signa tutt’altro che domo e che in più occasioni mette in seria difficoltà la retroguardia locale.

La seconda frazione non iinizia com’era finita la prima, ma con un Grassina che, annusato il pericolo preme, per chiudere il prima possibile il conto. È il 50’ quando l’arbitro, dopo averne negati due solari nella prima frazione, concede finalmente il rigore al Grassina: il fallo in area viene subito dall’ottimo Benvenuti, sul dischetto si presenta Bruni che non sbaglia (dopo l’errore sanguinosissimo di Rignano si è rifatto!), ora il doppio vantaggio consente al Grassina di giocare con maggiore tranquillità gestendo il secondo tempo.
Oltre al 3 a1 subito dal dischetto, il Signa ha anche il problema di trovarsi in inferiorità numerica dopo che Coppola si fa espellere per proteste (abbastanza sacrileghe).
Va dato il merito al Signa di non aver mollato un centimetro in una sfida ormai evidentemente compromessa, tanto che fino alla fine del quinto minuto di recupero tenta di riaprirla creando anche alcune azioni interessanti, ma senza successo.
Il Poggibonsi nel derby a Badesse non sbaglia, stesso discorso per la Colligiana che a Figline passa di misura: classifica quindi immutata.
Siamo a un punto della stagione in cui la stanchezza c’è e a tratti si è visto anche oggi, in questa situazione le panchine rivestono un ruolo basilare; l’esperienza del subentrato Meacci, la velocità e l’estro di Kthella chiamato a sopperire all’infortunato Baccini, hanno avuto un discreto peso nella conquista di questi 3 punti tutt’altro che scontati ai danni di un Signa orgoglioso e volitivo.