CRC Antella, tornano i lunedì di tifo amatoriale: “X” all’esordo, aspettando il...

CRC Antella, tornano i lunedì di tifo amatoriale: “X” all’esordo, aspettando il primo acuto bianco-celeste!

Il racconto di questo primo lunedì di ccc, calcio che conta

607
0
CONDIVIDI

Lunedì è tornato ad avere un senso.
L’ultimo, 8 ottobre, ha inaugurato la stagione calcistica degli Amatori, Serie A1, categoria che vede impegnata la squadra del CRC Antella e, con lei, un’intera curva pronta a cantare e sostenere i ragazzi bianco-celesti.
E’ il Tifo Amatoriale, presente, in casa ed in trasferta, ogni maledetto lunedì.

La prima giornata, entusiasmante sugli spalti, non ha brillato in campo: Antella vs Viesseux è terminata a reti inviolate, uno 0-0 sporadico di emozioni che, tuttavia, riscatta parzialmente il pesante 1-5 inflitto dai ragazzi di mister Metafonti (ex di giornata) nella scorsa stagione. A punti, per dirla tutti, avrebbe meritato l’Antella: Tizi ha avuto, grazie all’assistenza di Dukwa, due palle gol nitide che non ha saputo sfruttare. Marco, di cognome si dice faccia Fabbri, si è visto respingere un gran destro da un mezzo miracolo del portiere ospite. Ricca Biondi, il cap, non ha inquadrato la porta nell’incornata sul primo palo. E’ mancata la precisione sotto porta, non è mancata la cattiveria sportiva richiesta da mister Baba.
Si sono viste, a menti e gambe lucide, buone trame di gioco e spunti tecnici degni di nota…cosa non banale!
S’è vista una difesa sicura e certamente rafforzata dall’inserimento di Tommi Stettler, colui che è tornato: TS9, Biondi, Marangio, Tommi Bacci è una retroguardia fisica, “inghignata”, esperta, forte sul gioco aereo…l’attaccante dovrà avere fegato per “scozzarsi” con loro.
Aspettando Andre D’Aquino e la miglior condizione fisica, tifosi e staff tecnico possono ritenersi soddisfatti.

L’azione migliore della partita, tuttavia, si verifica a gioco fermo: la curva prende vita, accende i fumogeni ed invade l’impianto di un’appassionante nuvola colorata.
Il banco di nebbia resiste sopra il campo e persino l’arbitro è costretto a decretare l’inizio del match. Tutto si ferma, la curva no…