Basket, l’Impruneta sfata il tabù Bombonera e vince in casa. Coach Cecio:...

Basket, l’Impruneta sfata il tabù Bombonera e vince in casa. Coach Cecio: “Gran prova, siamo un cantiere aperto ma sono fiducioso!”

Contro il Libero Siena finisce 74-62

534
0
CONDIVIDI

BASKET, PROMOZIONE
8° GIORNATA
IMPRUNETA vs LIBERO BASKET SIENA 74-62

E finalmente arrivò, a scacciare fantasmi che stavan per materializzarsi e sgombrare le menti da grevi pensieri di complottismo e sfighe ancestrali. Di cosa stiamo parlando? Della prima vittoria casalinga stagionale per il Basket Impruneta, capace dopo tre sconfitte di fronte alla GAP50023 di sfatare un tabù, quello della Bombonera, che rischiava di farsi compromettente. Per classifica e psicologia.
Vittima sacrificale di questa particolare iniziazione è stato il Libero Basket Siena, sotto (e di molto) sin da subito, con prove di rimonta nel quarto quarto mai finalizzate. Purtroppo, per il primo trionfo in casa DCF non c’era, dunque nessuna immagine a testimoniare la vincente domenica dei bianco-verdi, raccontata per una volta da Coach Cesare Masi

Coach, come va?
“Adesso meglio”

Non vincere alla Bombonera stava realmente diventando un problema?
“Si, anzitutto mentale. Non si può non vincere di fronte ad un tifo del genere, l’ho detto ai ragazzi prima del match: non mi importa giocar bene, dobbiamo vincere. Serviva a noi, alla classifica e alle nostre ambizioni da playoff.”

Cos’è cambiato, ieri, rispetto alle sconfitte precedenti?
“Anzitutto non abbiamo regalato il primo quarto agli avversari, entrando subito in gara con un parziale 22/6 che ci ha trasmesso fiducia e consapevolezza. Nelle altre gare casalinghe, al contrario, abbiamo dovuto rincorrere un avversario che scendeva sul parquet più convinto, sin da subito. Noi, a differenza degli altri roster, siamo un cantiere aperto: ci stiamo trovando, io devo conoscer meglio loro ed i ragazzi devono imparare a conoscer meglio me. E’ normale. Ieri, però, ho avuto segnali confortanti dalla squadra, ho visto i ragazzi suonare uno stesso spartito e metter sul campo quel che chiedo. Bene così. I prossimi quattro allenamenti, considerando il turno di riposo, saranno importantissimi per lavorare ed affinare aspetti tecnico-tattici.”

Cosa prendi e cosa lasci del match di ieri?
“Prendo l’approccio al match, la prestazione collettiva e la disponibilità dei miei ragazzi ad adeguarsi alle mie proposte di gioco. Prendo le ottime percentuali al tiro e nonostante siano stati bravi a toglierci il tiro dall’arco abbiamo registrato un buon 4 su 7 da tre. Non mi spiego, invece, come sia stato possibile che un loro giocatore, Mandara, abbia segnato 27 punti a fine match. Su questo dobbiamo migliorare: non è possibile far riportare tali cifre, ci vuole più aggressività sulla difesa individuale uno-vs-uno, più malizia e meno buonismo nell’affrontate il duello personale col diretto avversario.”

Ed ora?
“Dopo il riposo abbiamo tre match fondamentali per giocarsi nel 2018 un posto tra le prime quattro. Vincerli ci darà morale e ci permetterà di recuperare i punti perso sin qui.”

Nel match di ieri, da segnalare le prestazioni di Paolini (top scorer con 19p.), di Cap. Cocco (14p.), di un Biondi aggressivo e deciso anche in attacco (9p), di Brinck. Proprio del n.9 è la giocata del match: schiacciata “a du mani” con fallo e tiro libero supplementare ad esaltare in maniera irreprensibile e definitiva una già caldissima Bombonera. Esigiamo, noi di DCF, il bis nel prossimo turno casalingo…
Decisivi, poi, per quanto riguarda i parziali il già citato 22/6 dei primi 10 minuti ed il 18-9 del terzo quarto.
Finale: 74-62.
Adesso si…il campionato dell’Impruneta può davvero iniziare!

E’ Paolini il top scorer del match con 19 punti
CONDIVIDI
Articolo precedenteTeatro Comunale di Antella: il programma dal 30 novembre al 2 dicembre
Articolo successivoLa CDP di Grassina sensibilizza: “Si, ma…sulla violenza contro le donne nessuna incertezza”
Nato nel 1990, mi sono appassionato alle vicende locali per necessità di lavoro, scoprendo che basta guardarsi intorno per raccogliere spunti di riflessioni e motivi di scrittura. Scrivere, è la mia esigenza. Conoscere la Storia, la mia passione. Vivo ad Antella, "campanilista" quanto basta, vago per il territorio alla ricerca di aneddoti da raccontare. Collaboro con TuscnayPeople e Tele Iride.