Bagno a Ripoli, svelato il 39° Palio realizzato dall’artista Silvia Garuglieri. La...

Bagno a Ripoli, svelato il 39° Palio realizzato dall’artista Silvia Garuglieri. La pres. Elena Ciapetti: “Rappresenta il sogno di ogni bambina” (fotogallery)

CONDIVIDI

“Sarà il Palio dedicato a Silvano Nano Campeggi, al ricordo di un grande artista e alla bellezza della sua persona, amante di questa splendida tradizione.”

Le parole del Sindaco di Bagno a Ripoli Francesco Casini omaggiano Nano Campeggi mentre la presidente dell’associazione Giostra della Stella / Palio delle Contrade Elena Ciapetti annuncia un minuto di silenzio in onore del Maestro.
Siamo alla “cena aspettando il 39° Palio”, sotto il tendone dei Ponti a Bagno a Ripoli e tra poco il drappo sul quale è cucito il consueto premio al vincitore verrà svelato…

Eccolo.
La carismatica Elena chiama a suo fianco l’assessore alla cultura di Bagno a Ripoli Annalisa Massari, il sindaco Francesco Casini, l’artista autrice del palio Silvia Garuglieri e colei che l’ha confezionato, Mila Scatena. Oltre cento persone, di cui molti volontari dell’associazione ed appassionati della manifestazione rievocativa, attendono con ansia. il velo è tolto.
Un rosso scuro cinge la “tela” mentre un azzurro sfumato è lo sfondo del dipinto: una principessa reclama dalla finestra del castello il suo principe, mentre i simboli delle contrade, raffigurati come fossero giochi in legno, adornano la scena. Il tutto uscito in stile “pop up” da un magico libro delle fiabe. Davvero bello.
“Questo palio identifica il sogno di ogni bambina – ha dichiarato la presidente Elena Ciapetti – ovvero il desiderio di essere una principessa. Silvia ha dato forma alla fantasia dei più piccoli, inscenando il messaggio che noi, con la nostra manifestazione di rievocazione storica, vogliamo trasmettere: vivere il palio significa vivere anche di immaginazione, guardare ad un passato ideale per riuscire a sognare anche nel presente.”

 

Poi, nell’arco della serata Elena ha ringraziato la schiera di volontari – un mix di giovani e veterani ammirevole – che rendono possibile tutto ciò, ha dedicato un dono floreale alle quote rose del Palio ovvero le donne che si impegnano nei vari ruoli all’interno dell’associazione e, infine, ha premiato la Filarmonica Luigi Cherubini ed i circoli che ospitano contrade e palio stesso: SMS Gustavo Modena della Fonte, SMS Bagno a Ripoli (finanziatore del drappo) e “Lo Stivale” di Candeli. Adesso, testa e cuore a domenica 9 settembre, giorno clou del Palio con i giochi pomeridiani e la Giostra della Stella in notturna (qui il programma), decisiva per decretare la contrada che si aggiudicherà la 39° edizione.

 

 

CONDIVIDI
Articolo precedenteCommentiamo questi Rioni in modo “super partes” (giuro!!!!).
Articolo successivo“Cartolibreria Tiziana” dal 1988: una storia di famiglia lunga trent’anni
L’Associazione Giostra della Stella - Palio delle Contrade non persegue fini di lucro, è apolitica e dal carattere aconfessionale. Si pone l’intento di promuovere socialmente e culturalmente la manifestazione omonima (tenuta la seconda domenica di settembre) esistente sul territorio dal 1980. Tutela e valorizza in tal maniera il patrimonio tradizionale, folcloristico, storico di Bagno a Ripoli, rievocando nelle gesta e nei costumi il periodo rinascimentale (tra 1530 e 1570) del Granducato di Cosimo dè Medici e del suo intersecarsi con gli ambienti ripolesi. L’Associazione riunisce le contrade (attualmente tre) del capoluogo Bagno a Ripoli che partecipano al Corteo Storico ed al Palio: Il Cavallo, Il Mulino, La Torre. Membri dell’Associazione sono anche Musici e Sbandieratori che colorano e movimentano le sfilate, in occasione del Palio delle Contrade di Bagno a Ripoli e nelle varie esibizioni annuali al di fuori del Comune. L’Associazione fa parte della Federazione Italiana Giochi Storici (F.I.G.S) ed automaticamente della Confederazione Europea Giochi Storici (C.E.F.M.H.).