(Video) Amatori, Serie A1: il GOL dell’anno è firmato Marco D’Aquino…e l’Antella...

(Video) Amatori, Serie A1: il GOL dell’anno è firmato Marco D’Aquino…e l’Antella torna alla vittoria!

una parabola da sogno che vale il 3-2 e la doppietta personale dell'unico 7. In rete anche Tava-Gol. Pontassieve battuto.

461
0
CONDIVIDI

AMATORI, SERIE A1
CRC ANTELLA vs PONTASSIEVE 3-2

Il ritorno alla vittoria dei nostri beniamini del lunedì sera, gli amatori del CRC Antella, ha il suono dolcissimo dell’epicità.
Un crescendo di emozioni, dalla sequela di blasfemie per lo svantaggio alla sorpresa per la rimonta, dal “non ci credo” schifato per il gol dopo un minuto di gioco al “non ci credo” estasiato dopo la rete I-N-C-R-E-D-I-B-I-L-E del definitivo 3-2. Cambia l’intonazione, non il contenuto. L’incredulità è sincera, vera, collettiva: un gol così si vede al massimo su Sky o su Daaaaazn, su YouTube o alla cerimonia FIFA in giacca e cravatta del gol più bello dell’anno che ho scoperto chiamarsi Puskas Award.
Ma in un campo ghiacciato ed amatoriale, alle 22:59 di un dicembre anonimo, nella periferia più periferica del calcio mondiale…no, lì non te l’aspetti!

Ma andiamo con ordine, che il racconto della serata deve ancora iniziare.
Ore 21:30, all’Antella sopraggiungono i primi tifosi, non più di dieci, meno di quanti se ne contava in quel di San Lorenzo un lunedì fa. “Arriveranno”, si dice. Infatti. I più, tuttavia, mettono piede sugli spalti già sullo 0-1 pro Pontassieve, per inciso, ultimo in classifica. Il primo gol di giornata arriva al 2°, punizione calciata malissimo, batti e ribatti, tiro…gol.
Passano dieci minuti ed arriva il pareggio, la firma è d’autore: corner dalla destra, Ricca Biondi stacca solissimo ma il portiere devia con un miracolo, sulla respinta il tap-in è di Sciahriar Tavakoli, ribattezzato Tavo-Gol, di ritorno sui campi di calcio dopo una lunga convalescenza durata 24 mesi. Tava come Derrick Rose: tanti, troppi infortuni, il pensiero di dire “basta” con il calcio, dandosi piuttosto al basket nei playground cittadini, prima del saggio dietrofront. Dunque, in estrema sintesi, Tava contro il Pontassieve = Derrick Rose contro gli Utah Jazz: un gol che vale 50 punti!

Che bellezza.
Eppure le difficoltà del match non sono terminate: al 20° il Pontassieve si riporta in vantaggio con un destro secco che passa tra le gambe di Ricca Biondi e Tommi Stettler, prima di depositarsi alle spalle di Cerdini, incolpevole. 1-2…che si protrarrà sino al duplice fischio di fine primo tempo, merito anche di un gol annullato a Dukwa per un fuorigioco correttamente segnalato.
Si va nella ripresa e l’aria cambia, tutto si fa più rarefatto mentre l’eroismo spicca ad ogni passo dei giocatori antellesi in campo. Se il Cerdo è fenomenale a tenere in piedi i suoi con una parata d’istinto, il protagonista vero ha nome e cognome: Marco D’Aquino, El Nino della Cantera, El Caballo dell’Osteria Nuova. Un accumulo di talento ben mischiato ad una dose di garra che ci piace tanto.

Le marcature del pareggio e della vittoria portano la sua firma e sono due perle rare: tecnica, velocità, presunzione, coraggio, precisione, morbidezza, astuzia. Come dice il Balu: “Un giocatore da Lega Pro“. Basta chiacchiere, guardate il video…che un gol così si fa una volta nella vita, se va bene! E due gol del genere nella stessa serata pure!

Sugli scudi, oltre ai due marcatori, come al solito vien da dire, uno dei giocatori (sarà per affinità calcistica) più apprezzati: Marco Ocram Landi (#PicchiaLandi). Lui è il can che morde…e non va svegliato perché non dorme mai! Sempre sul pezzo, sempre nel vivo della manovra, sempre a ringhiare sulle caviglie dell’avversario. Noi cantiamo e lui si gasa. Un giocatore sudamericano.