Allievi regionali: Belmonte, sconfitta di misura nel derby con l’Impruneta Tavarnuzze

Allievi regionali: Belmonte, sconfitta di misura nel derby con l’Impruneta Tavarnuzze

Due falli di troppo costano cari ai biancorossi, anche se alla lunga gli ospiti hanno dimostrato maggiore compattezza

415
0
CONDIVIDI

Sul sintetico del Pazzagli va in scena uno dei tanti derby dei colli fiorentini: quello tra i ripolesi padroni di casa del Belmonte e l’Impruneta Tavarnuzze. In una giornata splendida ma gelida i biancorossi cercano un risultato importante contro la terza forza del campionato.

BELMONTE A.G.: 1 Covello, 2 Conti, 3 Bellini, 4 Biliotti, 5 Salimbeni, 6 Zambon, 7 Sufa, 8 Masi, 9 Ciampi, 10 Sani, 11 Virdis. A disposizione: 12 Selvi, 13 Magnelli, 14 Giannelli, 15 Baluganti, 16 Cirri, 17 Bellatti. Allenatore sig. Benedetti Fabrizio.

IMPRUNETA TAVARNUZZE: 1 Morganti, 2 Conti, 3 Polo, 4 Rocchini, 5 Gori, 6 Dolgopiatoff, 7 Svelti, 8 Viciani, 9 Fanti, 10 Lanfranchi, 11 Lambardi. A disposizione: 12 Krasniqi, 13 Maier, 14 Cangemi, 15 Reggiani, 16 Mediolani, 17 Marranci, 18 Balderi. Allenatore sig. Marcucci Simone.

ARBITRO: Paolo Conserva della Sezione di Firenze.

Nonostante nei primi minuti siano gli ospiti a spingere, sono i biancorossi a trovare il vantaggio dopo appena quattro minuti grazie ad un tiro chirurgico di Ciampi, che da posizione molto defilata incrocia sul palo opposto regalando la gioia del gol al Belmonte.

Gioia che però dura poco, perchè dopo tre minuti il capitano di casa Salimbeni atterra Viciani in area di rigore: l’arbitro non ha dubbi e concede la massima punizione, ammonendo Salimbeni. Sul dischietto si presenta Lanfranchi che spiazza Covello e rimette la situazione in parità.

La partita si mantiene viva e intorno al quarto d’ora il Belmonte va di nuovo vicino al vantaggio con un colpo di testa di Biliotti a cui però viene negato il gol da un difensore ospite che sulla linea di porta intercetta il pallone. Ma la situazione più ghiotta arriva dieci minuti dopo: Ciampi serve Virdis che si trova a pochi metri dalla linea di porta, con il portiere che si trovava fuori dai pali nel tentativo di fermare Ciampi, ma clamorosamente impatta male e il pallone se ne esce lentamente a pochi centimetri dal palo.

L’ultima occasione del primo tempo è per gli ospiti con un gran tiro di Viciani che accarezza il palo della porta difesa da Covello.

La seconda frazione riparte sulla falsa riga della prima, con l’equilibrio che la fa da padrone. Tuttavia con il passare dei minuti l’Impruneta Tavarnuzze prende coraggio e al decimo minuto colpisce la parte alta della traversa con un bellissimo tiro al volo di Lanfranchi. Il vantaggio però non tarda ad arrivare. Al quarto d’ora gli ospiti possono sfruttare una punizione dal limite dell’area e lo fanno al meglio, con una conclusione potentissima di Dolgopiatoff, che viene deviata dalla barriera e non lascia scampo a Covello.

Da questo momento inizierà la girandola dei cambi, che però non porteranno grossi spostamenti di equilibrio: i biancorossi non riusciranno a riconquistare il dominio del centrocampo e quindi a creare occasioni davvero pericolose, ad eccezione dell’ultima azione prima del triplice fischio quando Virdis in area di rigore si ritrova sui piedi un pallone sporco che calcia verso la porta senza però inquadrarla.

Si chiude quindi 1-2 una partita equilibrata, giocata a viso aperto e sopratutto correttissima, e di questo si deve rendere merito ai ragazzi in campo che hanno sempre pensato a giocare. Per il Belmonte si sono contraddistinti Ciampi e Sani, mentre per Virdis pesa molto il gol sbagliato nel primo tempo. Nelle fila ospite molto bene Viciani, Lanfranchi e Lambardi.

CONDIVIDI
Articolo precedente“Il Rifugio di Lucignolo” promuove il progetto “Pet Therapy” all’Opera Pia Vanni
Articolo successivoEsordienti “classe 2006”: Belmonte a forza 5, che bel match contro la Cattolica Virtus!
Venuto al mondo nella notte del 17 ottobre 1994, sono cresciuto in una famiglia di artisti e sportivi. Sarà per questo che fino ad oggi non sono mai riuscito a decidermi tra due grandi passioni: la musica e lo sport, sia attivamente che come spettatore. Laureato triennale in Comunicazione, sono iscritto al corso di Laurea magistrale in Strategie della Comunicazione Pubblica e Politica.